Le architetture liquide Dalle reti del pensiero al pensiero in rete

Le architetture liquide

Dalle reti del pensiero al pensiero in rete

Read excerpt
La crescita esponenziale delle tecniche e degli strumenti di informazione digitale non innesca semplicemente una trasformazione delle pratiche quotidiane e delle risorse cognitive: ciò che muta nel contesto delle attuali forme elettroniche è anche il modo di percepire oggetti, ambienti, persone, concetti e idee. Il pensiero cambia così nel suo atto costitutivo e proiettivo, venendo reinvestito e ri(pro)dotto dagli stessi media che lo articolano. Il volume porta l’indagine sull’interazione tra le forme canonizzate e rigide delle risorse di una cultura informatica e le reti polivoche del pensiero, ricostruendo nel paradigma delle architetture liquide un modello trasversale di rilettura dei dispositivi di conoscenza e di comunicazione ed esaminando quella particolare iper-cultura propria di un mondo in cui i legami interpersonali si rimodulano tra accesso e scambio, tra reti brevi e reti lunghe, tra insiemi di segni liquidi, che mutano la loro cifra significativa ogni volta che li si ri legge e li si re interpreta. Le architetture liquide si propongono così come un percorso da affrontare non solo alla luce degli aspetti tecnologici di fattibilità dei dispositivi, ma anche assieme all’intero apparato culturale di ogni società, che vive l’evoluzione dei media e dei loro caratteri peculiari di velocità e d’interattività: in esse si ravvisa il momento di rottura con il tradizionale riscontro esegetico di ogni forma antica del sapere, condizione indispensabile per poter tradurre le pratiche, troppo spesso confinate nei paradigmi rigidi e negli schemi sociali propri della tecnica, in un ambito di applicazione in cui il patrimonio umanistico e filosofico gioca un ruolo di disvelamento assolutamente nuovo.

Detalles de eBook

Sobre el autor

Matteo Ciastellardi

Matteo Ciastellardi (Milano, 1976) ha conseguito il Dottorato di ricerca in Design della comunicazione presso il Politecnico di Milano; laureato in filosofia presso l’Università degli Studi di Milano, collabora da anni con la Cattedra di Filosofia teoretica dell’Ateneo milanese. Dal 2007 è McLuhan Fellow presso il McLuhan Program in Culture and Technology dell’Università di Toronto. Sugli argomenti di questo volume ha pubblicato, in questa stessa Collana: Provocazioni della tecnica, in Filosofia della tecnica, a cura di P. D’Alessandro e A. Potestio (2006).

También te gustará