Cassio Dione e i sovversivi La crisi della repubblica nei frammenti della «Storia romana» (XXI-XXX)

Cassio Dione e i sovversivi

La crisi della repubblica nei frammenti della «Storia romana» (XXI-XXX)

Consulter un extrait
I frammenti dei libri XXI-XXX di Cassio Dione sono trasmessi per lo più dagli Excerpta Constantiniana, l’antologia della storiografia antica in lingua greca realizzata nel X secolo per volontà dell’imperatore bizantino Costantino VII. Essi comprendono il periodo tra la terza guerra punica e la guerra sociale (149-89 a.C.) e forniscono numerose notizie altrimenti ignote, per la perdita delle fonti parallele (in particolare di Livio), o varianti significative, perché Dione fa ampio ricorso a fonti pre-liviane. Ne emerge un quadro coerente, in cui la progressiva corruzione delle istituzioni tradizionali accompagna e determina il prevalere della taraché sul kósmos. Questo «rovesciamento dell’ordine» non si manifesta solo nell’ambito politico, ma anche in quello giudiziario, militare e religioso: esso segna la crisi della repubblica e l’inizio della sua disgregazione. Già all’opera col tribunato di Tiberio Gracco, è in seguito alimentato dai capifazione «sovversivi», tra cui emerge soprattutto Gaio Mario. Il vincitore della guerra giugurtina e della guerra cimbrica è qui rappresentato con un’ostilità e una vivacità espressiva che non hanno eguali nel resto della tradizione antica e che sembrano riflettere polemiche contemporanee.

Détails du livre

À propos de l'auteur

Gianpaolo Urso

Gianpaolo Urso è chercheur all’Institut Ausonius (CNRS - Université Bordeaux 3), membro del Projet Dioneia dell’ANR e coordinatore scientifico della Fondazione Canussio. Ha pubblicato due monografie (Taranto e gli xenikoi strategoi, Roma 1998; Cassio Dione e i magistrati, Milano 2005) e numerosi articoli in cui ha trattato vari aspetti della storia politica e istituzionale di Roma repubblicana.

Vous aimerez aussi